Storia della realtà aumentata, dalle origini ai Google Glass

Da quanto tempo si parla di realtà aumentata?
Forse non sorprende troppo rintracciarne le origini nelle sperimentazioni sulla Realtà Virtuale, in particolare sul primo Head-Mounted Display, casco con schermo incorporato messo a punto nel 1966 da Ivan Sutherland. A modificarlo, rendendolo semitrasparente per poter vedere sia la realtà esterna che le informazioni digitali sovrapposte sono i ricercatori della compagnia aerospaziale Boeing Tom Caudell e David Mizell, per aiutare i tecnici addetti all’assemblaggio a non distogliere lo sguardo dai pezzi mentre lavorano. E’ il 1990, e viene coniata l’espressione “realtà aumentata”.
Nove anni dopo il professor Hirokazu Kato del Nara Institute of Science and Technology fa uscire la tecnologia dai laboratori scientifici e militari, rilasciando la libreria di software ARToolKit alla comunità open source. Per la prima volta i programmatori possono sperimentare la realtà aumentata su comuni computer e dispositivi di ripresa video, usando sistemi di tracking video, interazione con oggetti virtuali e grafica 3D.

L’interesse del grande pubblico nei confronti di questa tecnologia innovativa e spettacolare, però, viene risvegliato solo nel 2009, grazie a una campagna pubblicitaria di General Electrics che fa scaricare un marker in pdf per visualizzare, davanti alla web cam, un piccolo mondo tridimensionale animato e interattivo. I video e i commenti fanno il giro della Rete diffondendo l’entusiasmo. Il salto di qualità definitivo avviene quasi contemporaneamente, grazie alla diffusione degli smartphone, inaugurando la modalità di fruizione ideale delle applicazioni di realtà aumentata, quella mobile: gli ingredienti sono  videocamere digitali, sistemi di localizzazione GPS, bussole, connessione alla Rete e, naturalmente, animazioni 3D.

campagna pubblicitaria in realtà aumentata
Campagna in realtà aumentata di General Electric Company, del 2009. Fonte: http://ge.ecomagination.com/smartgrid/#/augmented_reality

Tour geolocalizzati, giochi, applicazioni che “ricostruiscono” l’aspetto originario di rovine e monumenti storici, navigatori, mappe interattive aumentate sono oggi quasi familiari, mentre a catalizzare l’attenzione mondiale sono i Google Glass e le aspettative legate ai nuovissimi dispositivi indossabili.

Oltre alla tecnologia, però, a evolversi per un utilizzo della realtà aumentata sempre più efficace saranno soprattutto progettazione di contenuti sempre più coinvolgenti e interazione con l’utente sempre più raffinata.

 

Fonti: http://www.pocket-lint.com/news/108888-the-history-of-augmented-reality

Communication Strategies Lab (2012), Realtà aumentate. Esperienze, strategie e contenuti per l’Augmented Reality, Milano, Apogeo 2012

Per leggere l’intero articolo e saperne di più sulla realtà aumentatahttp://www.experenti.com/dalla-realta-virtuale-ai-google-glass-storia-della-realta-aumentata/