La realtà aumentata nelle visite oculistiche con i Google Glass

I Google Glass sembrano stare particolarmente bene indosso ai medici. Questa volta il celebre dispositivo in realtà aumentata è entrato nel reparto di oculistica. Elyse Kleifgen, una specializzanda al secondo anno al Michigan College of Optometry della Ferris State University, è riuscita a rientrare tra le 8000 persone scelte per diventare “Google Glass Explorer”.

La prima visita oculistica effettuata con i Google Glass, da lei e dal professor Bruce Morgan del MCO, ha confermato le impressioni ricavate dai precedenti esperimenti fatti in sala operatoria, con evidenti vantaggi: la possibilità di visualizzare in tempo reale documenti fotografici e video, nonché di fare ricerche, naturalmente tramite Google; quella di consultare specialisti a distanza, tramite videochiamate, mostrando loro esattamente quello che vede il medico; quella di confermare eventuali sospetti di patologie confrontando  con dati generali le immagini dell’occhio del paziente, registrate anche queste in tempo reale.

Il tutto, naturalmente, senza mai distogliere l’attenzione dal paziente, caratteristica che sembra essere tra le più apprezzate dai medici, né impegnare le mani. La realtà aumentata in campo medico si rivela utile non solo per la formazione di personale qualificato ma anche nell’attività clinica: agevola la collaborazione tra professionisti e fornisce risorse per la formulazione di diagnosi.

Per maggiori informazioni sull’uso dei Google Glass da parte degli specialisti del Michigan College of Optometry: http://www.ferris.edu/HTMLS/news/archive/2013/july/glass.htm

Per maggiori informazioni sulla realtà aumentata e le sue applicazioni: http://www.experenti.com/