Creazione siti responsive per tablet e cellulari

Il numero di utenti Internet nei prossimi quattro anni che accedono da mobile supererà il numero degli accesi via personal computer. La creazione di siti web responsive, cioè che si adattano alle forme ridotte dei display degli smartphone e dei tablet, è molto richiesta in quanto il numero  degli utenti che usano questi sistemi per accedere ad internet è aumentato notevolmente.

Alcune aziende sostengono che mediamente il 5% delle vendite avviene da sistemi mobili. I settori come il turismo e il tempo libero sono quelli più richiesti.

I tablet rappresentano un significativo fonte di traffico verso l’ecommerce per essere utilizzati dall’utente per ricercare e confrontare i prodotti online. L’accesso ai siti web dai tablet è più diffuso anche per la differenza notevole di prezzo che hanno loro stessi. Acquistare un tablet è più abbordabile che acquistare uno smartphone. L’utente tablet è inoltre più propenso a concludere un acquisto rispetto a chi utilizza uno smartphone. Per questo motivo il  tablet commerce è destinato ad affermarsi nei prossimi anni.

Per utilizzare il canale mobile è necessario la realizzazione di siti web o di app specifiche. L’ottimizzazione del sito lo rende navigabile per tutti i dispositivi e consente di completare con facilità l’acquisto da qualsiasi apparato android utilizzato. Adattare il proprio sito web con un responsive design che permette di ottenere maggiore visibilità indipendentemente dalla dimensione dello schermo è molto importante visto l’utilizzo frequente di questi dispositivi.

Le aziende italiane stanno investendo e hanno in programma di investire sempre più sul mobile nel 2013. Le previsioni sono quelle di aumentare del 49% l’investimento sul canale mobile delle aziende italiane, mentre il 10% ritiene che non sia necessario un ulteriore investimento.

I social media preferiti dalla società italiane sono prevalentemente Facebook, che è ritenuto dal 67% delle aziende il canale di marketing ritenuto più valido. Gli altri Social sono youtube il 37%, Twitter il 33%, Google Plus il 20%, Linkedin  il 15% e Peiterest l’11%.