Come realizzare un ritratto ambientato

Molto spesso i ritratti effettuati con le fotografie sono troppo stretti; di conseguenza capita non di rado che il soggetto principale occupi quasi tutta l’inquadratura. Spesso però si dimentica che esistono anche altre tipologie di ritratti fotografici in cui il soggetto risulta inserito in uno specifico contesto: si tratta dei cosiddetti ritratti ambientati. Il ritratto ambientato è una composizione ben studiata in cui il soggetto principale è inserito in un contesto che fa da “cornice” e conferisce quindi alla foto un significato più evidente. L’idea alla base di questi scatti è quella di raccontare ciò che il soggetto della foto fa nella vita quotidiana. Vediamo ora alcuni consigli di base per fare ritratti ambientati di qualità

 

  • effettuare un sopralluogo. É importante recarsi in anticipo nel luogo dove verrà scattata la foto. In questo modo sarà possibile osservare con attenzione ciò che il soggetto fa quotidianamente. In questa fase sarà già possibile ragionare sull’inquadratura della foto; l’inquadratura, infatti, è di fondamentale importanza sopratutto nei ritratti ambientati;
  • prestate attenzione alla luce. Durante il sopralluogo non dovrete dimenticarvi di valutare la luce. Ad esempio nel caso di ambienti interni pensate in anticipo a tutti gli attrezzi che vi serviranno.
  • Non dimenticate gli obiettivi grandangolari. In particolare in queste situazioni i grandangolari Canon son la soluzione ideale.
  • Fate in modo che il soggetto si comporti come al solito durante lo scatto. Bisogna evitare infatti che il soggetto si prepari per l’”occasione” e si vesta ad esempio in modo troppo elegante.
  • Chiedete al soggetto di comportarsi normalmente e continuare l’attività senza prestare attenzione agli scatti.