Vittorio Sgarbi affascina la platea di Fabbricapop

Location d’eccezione, all’interno dello stabilimento produttivo del Gruppo Samo Industries a Bonavigo (Verona), per l’attesa conversazione “La bellezza dell’Arte appassiona l’Abitare” del noto critico e storico dell’arte Vittorio Sgarbi. L’appuntamento, tenutosi mercoledì 28 settembre scorso, si inserisce all’interno dell’esclusivo evento “Porte aperte… all’Arte”, iniziativa volta alla valorizzazione culturale e territoriale promossa e sostenuta dal Gruppo Samo Industries.

Spaziando dalla letteratura alla musica, dalla scultura alla poesia, partendo dalle origini fino ad odierni esempi di creatività, Sgarbi ha affascinato la platea che ha seguito con interesse l’excursus artistico- culturale, con piacevoli riferimenti al mondo del bagno, tra cui il “Gabinetto d’oro” di Maurizio Cattelan, l’irriverente installazione esposta al Guggenheim di New York.

L’intervento di Sgarbi ha approfondito il sottile e raffinato collegamento con l’inusuale, ma suggestiva, location della fabbrica del Gruppo Samo Industries, che ha assunto il ruolo di luogo culturale a forte vocazione creativa.
“Il rapporto con l’opera d’arte, come con le persone, si costruisce nel tempo e si connota per una primordiale essenza erotica, dove è indispensabile il contatto fisico, visivo e tattile. Noi siamo indispensabili a far vivere e rivivere in eterno l’opera, che diventa tale solamente quando qualcuno la osserva. Come nella musica, solo quando l’interprete prende lo spartito, la melodia si concretizza nella realtà e diventa attuale” ha affermato Vittorio Sgarbi, mettendo in luce l’importanza della cultura come risorsa primaria di sviluppo nelle aziende.

“Promuovere la cultura e le varie forme dell’arte vuol dire promuovere un’economia, un territorio e soprattutto qualificare le aziende” ha affermato Mario Mazzoleni, Presidente dell’omonima Fondazione. “Questa conversazione, con una personalità dello spessore di Vittorio Sgarbi, è un’iniziativa ammirevole per una realtà che dà valore all’arte. Infatti, questo evento ha affiancato un altro prestigioso appuntamento: la mostra di Andy Warhol, ospitata all’interno dello showroom del Gruppo Samo Industries. Un’esposizione di una ventina di opere grafiche, firmate in originale, che va dall’immagine delle celebri Marylin a quella della zuppa Campbell, ai vari ritratti tra cui quello di Mao e della Regina Margherita, per non dimenticare poi la presenza di una selezione di cimeli come, ad esempio, le scarpe originali di Michael Jackson autografate dall’artista”.

Attraverso le proprie iniziative, il Gruppo Samo Industries, da sempre all’avanguardia nel proporre nuovi linguaggi, comunica e condivide un design concept che si esprime attraverso i propri brand Samo e Inda.