Visita allergologica per la dermatite atopica


La dermatite atopica è una malattia allergica, che si presenta sotto forma d’infiammazione della pelle: prurito, ispessimento cutaneo, pelle secca e eczema sono i tipici indicatori della dermatite atopica, che può spesso essere associata a riniti, asma, orticaria e allergie alimentari. Tutte queste caratteristiche (infiammazione, eritema, eczema, etc…) sono segnali della presenza di microorganismi produttori di stafilococchi e streptococchi.
L’allergologo è facilmente in grado di identificare la dermatite atopica nei soggetti che ne sono affetti, perché gli esami riscontrano, oltre all’infiammazione cutanea, anche un eccesso di produzione di immunoglobuline E (IgE). Questo tipo di malattia non è contagiosa, ma va curata fin da subito, perché chi ne è colpito in età infantile tende ad averla anche da adulto, associata a complicazioni quali asma o rinite allergica.
Non esistono cure definitive per l’eliminazione della malattia, che può quindi tornare a manifestarsi. Tuttavia, è possibile limitare la secchezza della pelle con saponi emollienti da usare durante il bagno giornaliero; è molto importante evitare il contatto con allergeni sconosciuti, soprattutto di natura alimentare. Inoltre, è utile non trattenersi in luoghi polverosi, non esporsi troppo a lungo al sole e evitare l’uso di fibre sintetiche, preferendo sempre cotone e lino. Nel caso in cui la dermatite porti a eczema bisogna seguire una terapia antinfiammatoria topica, con preparati cortisonici o meno. Un’esposizione controllata al sole può essere utile, mentre, al contrario, una prolungata può causare melanoma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *