Via Borra 29 Livorno: Palazzo delle Colonne di Marmo


In occasione delle giornate FAI di Primavera l’imponente palazzo è stato aperto al pubblico

A via Borra 29 Livorno sorge l’imponente Palazzo delle Colonne di marmo, aperto al pubblico in occasione della XXIII edizione delle giornate Fai di Primavera, manifestazione organizzata dal Fondo Ambiente Italiano (FAI) grazie alla quale si aprono al pubblico le porte del patrimonio artistico e naturalistico italiano spesso inaccessibile.
Il 21 e il 20 Marzo 2015 sono stati aperti al pubblico i magazzini e le cantine del Palazzo delle Colonne di Marmo che conservano ancora la struttura originaria dell’epoca di costruzione del Palazzo.

Scopriamo quindi uno degli ambienti poco noti della Livorno settecentesca.
Il Palazzo delle Colonne di marmo è un edificio che si trova a Livorno, in Via Borra 29, nel quartiere della Venezia Nuova.

Il palazzo fu edificato nel 1703 dal mercante lucchese Ottavio Gamberini, in Via Borra 29 Livorno, lavoro di grande maestria, attribuibile probabilmente al rinomato architetto e scultore Giovanni Battista Foggini (1652-1737). Deve il suo nome alla presenza di due colonne in marmo, d’ordine tuscanico, ai lati del portale d’accesso, che grazie ad una leggera rotazione dei basamenti e dei capitelli, aprono l’edificio verso la strada sottolineandone il carattere barocco.

Il palazzo presenta una pianta rettangolare e una facciata impreziosita da finiture in marmo di Carrara, che è senza dubbio l’elemento più caratterizzante del complesso. È decorata da quattro frontoni adornati dalle statue delle Quattro stagioni e da alte cornici e mascheroni.
All’interno si trova un cortile circondato da un porticato in cui il marmo lascia il posto alla severa pietra serena, riconducendo l’edificio ai moduli delle residenze fiorentine del XVI secolo.

Il prospetto su via Borra 29 fa parte di un fronte continuo costituito da altri importanti edifici come il vicino Palazzo Huigens. In particolare Via Borra è così chiamata in onore di Marco Alessandro Del Borro, Governatore di Livorno dal 1678 al 1701. Fu in questo periodo che la Fortezza Nuova fu ridotta nelle dimensioni, creando lo spazio per il quartiere di Venezia Nuova.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *