Seo: ottimizzare un sito web per i motori di ricerca


Nel web marketing la search engine optimization ha conquistato un ruolo di rilievo. Se il tuo sito web è ben indicizzato su google e bing, riceverai molto traffico naturale, una vera e propria miniera d’oro.

L’importanza del target nella seo

Avere molte visite a volte non proficuo come può sembrare, per esserlo ci vogliono utenti in target, e quindi diventa necessario che tu analizzi bene le keywords su cui vuoi puntare prima di iniziare qualsiasi attività sui motori di ricerca sia che si parli di seo, che di sem. Per fare questo diventa necessario capire bene il mercato di riferimento, analizzare i competitors, farsi un idea del budget del cliente. Molte volte capite di attrarre volumi di traffico non in linea, con la conseguenza di un forte incremento della frequenza di rimbalzo. Significa che il pubblico al quale ti stai rivolgendo non è quello adatto ai prodotto o servizi che stai promuovendo.

L’ottimizzazione dei contenuti

In molti casi un sito non si indicizza correttamente, perché ha dei contenuti poco pertinenti alle keywords per cui vuoi essere in prima pagina. Questo comporta una revisione quantomeno delle pagine principali. Queste dovranno trattare argomenti per il tuo target, cercando di utilizzare un linguaggio quanto più in linea con le sue caratteristiche. I contenuti devono essere scritti per il tuo pubblico, ma devono piacere anche ai motori di ricerca. Dunque è necessario iniziare ad introdurre all’interno delle pagine alcune keywords per la seo.

La velocità

Un  sito lento viene abbandonato rapidamente e rimpiazzato da altri con una velocità di caricamento superiore. Molte ricerche vengono effettuate da smartphone ed il trend è in continua crescita. Diventa quindi obbligatorio che il tuo sito sia veloce, ed abbia una user experience studiata per dispositivi mobili.
Google tiene conto di questi fattori, tramite i dati analitici come il tempo di permanenza e la frequenza di rimbalzo. Per la tua campagna seo non trascurare velocità e ux.

La semantica ed i titoli

Un sito dovrebbe avere titoli h1, sottotitoli h2 e così via, questo per dare una gerarchia alle informazioni. Il titolo deve contenere le keywords che vuoi indicizzare. Il meta titile e la meta description sono le prime cose che un utente vede nelle serp, per cui devono essere attrattive, pubblicitarie, ma devono anche essere seo friendly. Per una buona seo, si rende necessario, identificare 2 keywords per pagina e inserirle all’interno di ogni contenuto testuale e nell’alt delle immagini.

 Il content marketing e la seo

Sempre più persone cercano sui motori di ricerca informazioni relative ad un dato argomento. Fare content marketing significa scrivere contenuti interessanti, utili e fornire delle risposte. Possono essere news del settore, informazioni aziendali, recensioni, ecc. il content marketing è molto legato alla seo, perché attraverso esso si possono indicizzare molte keywords. Inoltre se i contenuti non sono scritti con il solo scopo della seo, miglioreranno anche la brand image della tua azienda, e genereranno conversioni nel medio periodo.

La link reputation

Avere buoni link è la benzina che ti permette di scalare le serp, anche quelle più competitive. Il content marketing è un buono strumento per attrarre link naturali, i migliori. Si possono usare digital pr per far conoscere il sito e diffondere il brand, web directory di qualità, guest post su siti di livello, articoli su magazione online. Questa è una delle parti della seo più pericolose. Se non studiata a dovere si rischiano penalizzazioni, su alcune serp o su tutto il sito.

Si rende necessario pertanto affidarsi ad un consulente seo o ad una agenzia seo per non correre pericoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *