“Rapsodia in blu” Rimini in fondo al mare

La riviera Romagnola è sicuramente la Regina del Mare ed è proprioo grazie a questo primato che glihotel rimini 3 stelle e gli hotel 2 stelle rimini vicino al mare si organizzano con offerte giugno all inclusive rimini.
L’universo del sommerso, l’apocalisse educolorata per patinate riviste alla moda, un mixer di archeologia nostrana e profonde acque, lo troviamo alla Galleria dell’Immagine di Rimini dal 14 maggio, una mostra fotografica di due artisti riminesi che la aprono col titolo musicale Rapsodia in blu.
Sono fotografie di grande formato realizzate da Roberto Pari e Sergio Tani, che si firmano duo Paritano; fotografie di un uniforme e intenso colore blu, ma subacqueo; fondali marini abitati non solo di pesci, ma anche dai resti archeologici e simbolici di una Rimini inghiottita dal mare; brani del Tempio Malatestiano, del Ponte Tiberio, di piazza Cavour, del Grand Hotel, resti apocalittici distorti sul fondale equoreo, come ciò che resta di un’immane tragedia naturale.
E con i bagnanti in vacanza che in superficie, tra i superbi resti che emergono, tranquillamente nuotano al sole.
Dunque, un’apocalisse che gli autori come psicologia del nostro tempo, la virtù di adattarsi presto agli affetti negativi del destino, anzi di vederne gli aspetti positivi.
Un cataclisma? Va be’, ora c’è un mare più profondo, un paradiso per i sub.
“L’importante è poter contare su un glamour cocktail…alla giusta temperatura”, scrive Fabrizio Bronzetti.
Un’apocalisse soft, da salotto, realizzata fotograficamente con gusto ironico e fantastico.
La mostra ha il patrocinio del Comune di Rimini, dell’assessorato alla Cultura e della Biblioteca Civica Gambalunga.
Dagli anni ’80 si occupano di fotografia creativa e commerciale.
Hanno partecipato a diverse mostre fotografiche, tra cui a Bologna nel 1986, a Torino nel 1987, a Gorizia nel 2010.
Tra gli interventi per cataloghi d’arte ricordiamo: Pomose (Corbo Editore) 1999; Il Tempio Malatestiano (Longo Editore) 2000; Piero della Francesca (Linea d’Ombra editore) 2009.
La mostra chiuderà il 29 maggio.