Panoramica sull’architettura gotica


Una delle sezioni più corpose del portale Nivis-Regnum è sicuramente quella legata all’architettura gotica (o stile gotico). In questa sezione si cercherà di far luce su tutti gli aspetti dell’architettura gotica, da quelli strettamente strutturali, passando per quelli simbolici ed esoterici.

Si parlerà delle principali cattedrali gotiche in Europa analizzandone non solo gli elementi architettonici ma anche leggende e curiosità.

L’architettura gotica è di origine francese. Nacque intorno al 1140 nella provincia che già allora portava nome di “Francien”, nella stretta regione fra Compiègne e Bourges, con Parigi la città del re. Il re di questo piccolo territorio in qui sorsero le più impressionanti cattedrali del nuovo stile non era dotato di una forte potenza politica ed economica, ma solo di un carattere sacro, in virtù dell’unzione con l’olio santo.

Chi seppe sfruttare tutto ciò fu Suger di Saint-Denis (1081-1151). Suger pose tutta la sua attività a servizio della monarchia francese. Egli era pienamente cosciente del fatto che, data l’esigua base del potere del re, il problema principale era come aumentare il prestigio spirituale. Appunto a ciò si indirizzarono i suoi sforzi.

Dopo la sua esemplare ricostruzione dell’abbazia di Saint-Denis, egli divenne il principale iniziatore di una nuova organizzazione dello spazio della chiesa,riunendo con il suo architetto, insieme ad altre innovative misure architettoniche, per la prima volta in modo convincente elementi formali dell’architettura delle varie città francesi. In questo modo egli si può definire, il “creatore del gotico”.

Ma veniamo alla cattedrale in se. Cattedra: dal latino cathedra, il termine è passato dall’indicare il maestoso sedile destinato ai personaggi di maggior prestigio a incarnare il simbolo dell’autorità stessa. Così tecnicamente, la cattedrale è la sede dell’autorità del vescovo, la chiesa principale di una diocesi, l’edificio sacro dove vengono più solennemente celebrate le ricorrenze dell’anno liturgico.

Nella moderna sensibilità comune il termine cattedrale indica una chiesa monumentale che documenta la visione del mondo, la concezione religiosa e artistica del Medioevo.

La cattedrale non era destinata soltanto alle funzioni liturgiche o all’esibizione di reliquie. Oltre a ciò la cattedrale era un luogo sempre disponibile dove riunirsi.

A usufruire poi di questo spazio per riunirsi, discutere affari, condurre transazioni , stipulare contratti o assumere manovalanza era soprattutto il ceto mercantile e imprenditoriale.

Infrequente anche l’allestimento in chiesa dispettacoli anche di carattere A Laon la cattedrale ospitava all’inizio dell’anno la misteriosa festa di Folli.

La cattedrale inoltre è anche da considerare il più potente agente didascalico ed educativodel Medioevo.

Veri e propri libri di vetro e pietra, le cattedrali supplirono all’analfabetismo di
massa sottoponendo ai fedeli la summa del sapere del tempo sotto forma di immagini. Non è un caso se furono definite la Bibbia dei poveri.

 

Quando si parla di gotico inoltre non si parla solo di architettura ma anche di scultura, pittura, vetrate ed oreficeria.

 

Nella cattedrale si condensano anche moltissi aspetti simbolici ed esoterici, legati all’antica saggezza dei costruttori gotici.

Sul piano simbolico, l’enfasi della direzione verticale rappresenta lo slancio dellaTerra verso il Cielo o viceversa dalla superficie della Terra verso il suo grembo. L’idea di questa duplice energia (quella che proviene dalle stelle e quella che proviene dal suo grembo materno) sarebbe ricollegata all’energia che presiederebbe alla vita.

Prendendo in considerazione i siti megalitici è stato scoperto che i luoghi scelti e la disposizione delle pietre erano tali da coincidere con punti particolarmenterilevanti nel flusso dell’energia terrestre e finalizzati a una sua accumulazione.

A tali luoghi nei secoli furono associati dalla gente comune poteri curativi e le pietre considerate miracolose. Ancora nel VIII secolo la Chiesa si trovò a dover combattere contro questo culto pagano e a minacciare di persecuzione i suoi praticanti. Ma questi luoghi magici non furono dimenticati: su di essi sorsero monasteri, calvari, cattedrali. Nella storia degli edifici sacri, infatti, è tutt’altro che infrequente registrare una sovrapposizione millenaria.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *