PA locale. Istat: cresce l’acquisto dei sistemi di votazione elettronica sul MePA


I dati dell’ultimo rapporto Istat sull’adozione dell’ICT nella PA locale.

EUREL votazione elettronica

Secondo l’ultimo rapporto dell’Istat negli ultimi anni sempre più enti locali utilizzano il MePa, il Mercato elettronico della PA, per acquistare beni e servizi come i sistemi di votazione elettronica .

Il report, dedicato a “Le tecnologie dell’informazione e della comunicazione nelle PA locali”, evidenzia come gli acquisti ormai avvengano sempre di più attraverso servizi di e-procurement come il mercato elettronico, utilizzato dal 92,4% delle amministrazioni locali, con un aumento di quasi il 30 per cento rispetto al 2012.

L’Eurel Informatica S.p.a., già presente sul Mepa da molti anni, è da sempre consapevole delle opportunità offerte da tale strumento. Sempre più clienti, infatti, si affidano alla piattaforma gestita dalla Consip per acquistare o rinnovare i sistemi informatici. Come ha fatto ultimamente il Comune di Como per il rifacimento completo del Sistema Integrato Multimediale presente nell’aula consiliare.

L’indagine condotta dall’Istat per analizzare lo stato di penetrazione della tecnologia nella PA locale, inoltre, ha evidenziato anche che sono sempre più numerosi gli enti che hanno deciso di investire nella creazione di un ufficio specificamente dedicato all’ICT: tutte le Regioni e Province autonome e l’85,5% dei Comuni sopra i 60mila abitanti.

Un segnale importante, che sottolinea come il supporto delle tecnologie digitali sia ormai diventato indispensabile per l’attività delle Pubblica Amministrazione. Un fenomeno che ha interessato non solo gli uffici e l’apparato burocratico della macchina amministrativa ma anche i luoghi dove si svolge il fulcro dell’attività democratica e della partecipazione dei cittadini: i Consigli comunali, provinciali e regionali.

L’automazione dei lavori di aule e assemblee, infatti, anche grazie all’adozione di connessioni a banda larga e di tecnologie mobile, è ormai una realtà consolidata per tutti gli enti locali, dai più grandi i più piccoli.

La rivoluzione digitale in atto, quindi, sta drasticamente modificando anche le modalità di interazione e le relazioni commerciali nella Pubblica Amministrazione offrendo, a chi è capace di coglierle, nuove opportunità di crescita e innovazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *