Originalità e inventiva nella tua propaganda elettorale


Ti sei candidato e non sai come gestire al meglio la propaganda elettorale? La campagna elettorale comprende tutte le attività di propaganda che si mettono in atto per raggiungere la fiducia di quanti più elettori possibili. La campagna elettorale comincia 30 giorni prima del voto e si chiude a mezzanotte del penultimo giorno prima di quello in cui si vota. Ai cittadini poi viene concesso un giorno di riflessione per poter decidere con tranquillità chi voteranno.

Termine coniato nel XVIII secolo per indicate tutte le attività volte a convincere il maggior numero di persone della qualità di determinate idee, ideologie o prodotti commerciali, la propaganda racchiude diversi strumenti.

Descriviamo di seguito i principali per una propaganda elettorale di successo:

Manifesti elettorali:Il formato più comune è quello del 70×100. Rappresentano uno degli strumenti più immediati poiché sono molto visibili e trasmettono in modo diretto il messaggio.  Costruisci un messaggio chiaro e lineare puntando sul tuo jolly. Proponi una foto che trasmetta fiducia e serenità e posiziona bene il simbolo del partito.

Santini elettorali: sono immancabili. Sono pratici, leggeri e della misura adatta ad essere distribuiti e portati in tasca o in borsa, rappresentano un vero e proprio biglietto da visita. Riporta sul santino tutto quello che c’è sul manifesto in modo da dare alla tua propaganda un’impronta di continuità.

Volantini/lettere di presentazione: far conoscere ai cittadini il tuo programma, è fondamentale per essere credibili e professionali.

Comizi: i comizi permettono al candidato di presentarsi direttamente ai suoi possibili elettori. Prepara il tuo discorso con il supporto dei tuoi collaboratori e quando lo esponi sii chiaro. Parla lentamente, punta sugli argomenti principali del tuo programma elettorale, fai delle pause e infine cerca di rendere il più possibile partecipe il pubblico. Se trasmetti un’emozione e comunichi il tuo credo, questi sapranno ricompensarti.

Gadget: spille, penne, bandiere, t-shirt e chi più ne ha più ne metta! I gadget possono sembrare un surplus ma in realtà sono uno strumento molto efficace di propaganda elettorale, poichè danno l’ idea di esprimere gratitudine.

Partecipazione a programmi televisivi o altri media: concorda con i giornalisti delle interviste brevi e mirate dove spieghi chi sei, il perché della tua candidatura e i progetti che vorresti perseguire. Se vieni intervistato in una tv locale non dimenticare di fare riferimento soprattutto al territorio prendendo spunto da temi attuali cari ai cittadini. Un abito elegante – un tailleur se sei una donna e la cravatta se sei un uomo – incrementano l’immagine di professionalità che non deve mai mancare. Se parli in tv sforzati di avere un’espressione sempre sorridente e rilassata, se in radio una voce coinvolgente e calma.

 

La propaganda elettorale rappresenta per i partiti e gruppi politici l’insieme delle attività di divulgazione di idee e informazioni con lo scopo di raggiungere e convincere i cittadini a votarti. La persuasione rappresenta, dunque, un punto chiave per raggiungere lo scopo.

 

La comunicazione persuasiva ha, come obiettivo quello di far cambiare opinione. In un mondo in cui siamo tartassati da migliaia di messaggi (siamo esposti in media a circa 2.000 messaggi commerciali al giorno), le pubblicità sono diventate sempre più impattanti. Negli ultimi anni anche la politica italiana ha imparato ad utilizzare i moderni strumenti della psicologia della comunicazione e della persuasione pubblicitaria.

 

Infine è bene ricordare i benefici della teoria della persuasione. Nata negli anni Quaranta, questa  sostiene che i messaggi persuasivi possono cambiare alcuni atteggiamenti, quindi azioni, quindi comportamenti.

E tu, sei pronto a far cambiare idea per avere più voti e vincere?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *