MOBILE ECOMMERCE: I NUOVI METOTI DI PAGAMENTO ONLINE

metodi di pagemento ecommerce

Consultare la posta, leggere un libro, giocare o ascoltare musica, acquistare prodotti e servizi: lo smartphone ha conquistato ogni attimo della nostra vita e il suo successo si consoliderà anche nel 2015. Le aziende che vendono tramite ecommerce si adattano al trend e si preoccupano di rendere disponibili i loro prodotti anche su dispositivi mobili. Il mobile si sta lentamente imponendo nella nostra società, per tale motivo le aziende devono essere pronte ad utilizzare nuove modalità di acquisto. Per capire meglio il fenomeno è necessario distinguere tra mobile ecommerce e mobile payment (pagamenti contactless tramite dispositivo mobile).

Nel 2015 le vendite tramite smartphone o tablet sono raddoppiate, il trend ha interessato tutto il mondo, anche se in Italia si fa più fatica a seguire il fenomeno e si preferisce comprare prodotti e servizi presso punti vendita tradizionali o da ecommerce famosi, considerati più affidabili. Inoltre, nel nostro Paese ancora tanti utilizzano lo smartphone esclusivamente per informarsi sul brand. Mentre a livello internazionale, nel resto d’Europa e negli Stati Uniti gli smartphone vengono ormai ampiamente sfruttati per fare acquisti online. Anche a livello social qualcosa sta cambiando: Facebook sta testando il tasto “buy” da inserire sulle proprie pagine con l’obiettivo di invogliare gli utenti a fare acquisti online, anche Instagram, Pinterest e recentemente Twitter, si sono mossi e sti stanno muovendo per avvicinarsi al mondo dell’ecommerce.

Ma come si compra su mobile? Le vendite su dispositivi mobili sono sempre più legate alle applicazioni mobili, molte aziende raggiungono i propri utenti con app aziendali dotate di catalogo online che permette di acquistare prodotti e servizi con un touch. E la navigazione su mobile? Con la crescita delle app mobile, i siti responsive hanno i minuti contati, anche se la loro creazione è obbligatoria se si intende essere competitivi sul mercato. Tuttavia, le app mobile sono più facili da consultare: appaiono già belle impacchettate sullo schermo dello smartphone e consentono di rimanere in contatto con il brand e acquistare i suoi prodotti in un secondo.

Spesa, cinema, musei, palestra, shopping…ma come pagheremo in futuro? Un suggerimento ce lo da il  mobile payment, la nuova freschissima tendenza che si appresta a diventare il principale trend 2015 veicolato dalla diffusione di dispositivi mobili con NFC (Near Field Communication). Questa tecnologia permette di acquistare senza carta ma semplicemente avvicinando lo smartphone adeguatamente configurato al POS Contactless. In Italia è ancora agli inizi, si contano solamente 200 mila POS abilitati contro 1,8 milioni totali presenti in Europa, mentre negli Stati Uniti il 40% dei consumatori paga tramite device mobile. Ma noi scommettiamo che le cifre sono destinate ad aumentare in pochi mesi. Anche il bacino d’utenza del mobile payment è tutt’oggi ristretto alla fascia giovanile. Perché? Maggiore è l’età dei consumatori, più grande è la diffidenza verso nuove modalità di pagamento. Gli adulti hanno dubbi circa la sicurezza di tali metodi. Ma noi immaginiamo un futuro sempre più mobile, quando non saremo costretti a girare con mille carte di credito nel portafogli, ci basterà avvicinare il nostro smartphone ad un altro dispositivo per fare la spesa, pagare il caffè al bar, l’ingresso al cinema e tanto altro ancora.