Manutenzione ascensori: il condomino può evitare di pagare?


Parliamo di una casistica particolare, parliamo del caso in cui un inquilino di un condominio si chiede se è tenuto o meno a pagare le spese sostenute per la manutenzione dell’impianto elevatore. La circostanza che andiamo a trattare oggi riguarda uno stabile a più piani, un negozio al piano terra con ingresso indipendente e un proprietario che si domanda se è tenuto o meno a sostenere economicamente l’assistenza di un ascensore che non utilizza.

manutenzione-ascensoriIn questo caso può esimersi dal pagare la rata che gli spetterebbe? L’articolo del codice civile n. 1123 è molto chiaro e spiega che Le spese necessarie per la conservazione e per il godimento delle parti comuni dell’edificio … sono sostenute dai condomini in misura proporzionale al valore della proprietà di ciascuno, salvo diversa convenzione.” Ma l’articolo specifica anche che se i condomini fanno uso in maniera diversa di una di queste parti allora le spese vanno ripartite in base all’uso effettivo che ogni proprietario ne fa.

La normativa è chiara, dunque. A prescindere dalla ripartizione, però, l’impianto dell’ascensore è un bene comune ai condomini in egual misura perché contribuisce a dare prestigio all’immobile e, in teoria, può venire utilizzato da tutti i condomini, anche da quelli del piano terra. Questo a meno che il titolare del negozio di cui dicevamo non sia in grado di dimostrare che l’ascensore condominiale per lui non ha alcuna utilità, è a questo punto che potrebbe opporsi al pagamento dimostrando la totale assenza di utilizzo.

Tutto chiaro? Per chiarire tutte le altre perplessità sulla manutenzione ascensori in Lombardia rivolgiti a Everest!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *