Luiss Business School: Claudio Descalzi, AD di Eni, a Leader For Talent


Talento, leadership e le sfide che attendono Eni nei prossimi mesi: questi i temi di cui ha parlato l’AD del gruppo petrolifero Claudio Descalzi nel corso dell’incontro del 24 gennaio con gli allievi dei Master specialistici della Luiss Business School.

Claudio Descalzi: l’AD di Eni incontra gli allievi dei Master specialistici della Luiss Business School

È l’AD di Eni, Claudio Descalzi l’ospite del quinto appuntamento di Leader For Talent, il ciclo di incontri con personalità di spicco del panorama industriale che la Luiss Business School organizza per gli studenti dei Master specialistici. Nel corso del suo intervento, in programma il 24 gennaio, il manager ha parlato di leadership e talento, ma anche di come all’interno dello scenario energetico globale si stia affrontando il tema della lotta ai cambiamenti climatici. “Stare con gli altri con passione crea un team. Il cuore e le competenze sono fondamentali per essere leader” ha detto Claudio Descalzi, elencando le doti che possono rivelarsi fondamentali nel determinare il successo di un’azienda: ascolto, comprensione e inclusione. Raggiungere la posizione di CEO, ha continuato il manager, non deve rappresentare solo il conseguimento di un traguardo personale, ma il risultato di un percorso costruito insieme alle altre persone, perché “il successo passa per la nostra capacità di costruire il futuro insieme agli altri”. L’AD ha inoltre sottolineato come il ruolo di leader nel settore Oil & Gas comporti anche la responsabilità di investire per dare accesso all’energia a quelle comunità che ne sono prive.

Eni: la storia professionale dell’AD Claudio Descalzi

Originario di Milano, Claudio Descalzi si laurea in Fisica all’Università degli Studi del capoluogo lombardo prima di entrare in Eni, il gruppo petrolifero nel quale cresce e si afferma professionalmente fino ad esserne nominato Amministratore Delegato nel maggio 2014. La prima esperienza in azienda risale al 1981: inizialmente Ingegnere di giacimento, viene ben presto chiamato a svolgere l’incarico di Project Manager. Negli anni Novanta guida le consociate del Gruppo in Congo e Nigeria, ruoli che lo portano a ricoprire anche nel decennio successivo altre posizioni in ambito manageriale, quali Direttore dell’area geografica Africa, Medio Oriente e Cina (2000-2001), Direttore dell’area geografica Italia, Africa e Medio Oriente (2002-2005), Vice Direttore Generale di Eni – Divisione Exploration & Production (2005-2008). Nei sei anni precedenti alla nomina ad AD, è stato Chief Operating Officer del gruppo. Visiting Fellow of The University of Oxford, nel dicembre 2015 Claudio Descalzi è entrato a far parte del “Global Board of Advisors del Council on Foreign Relations”. Diversi i riconoscimenti ottenuti dal manager durante la sua carriera: nel 2016 l’università di Tor Vergata gli ha conferito la laurea Honoris Causa in Ingegneria per l’ambiente e il territorio per il suo impegno nella sostenibilità ambientale, mentre nel 2012 la Society of Petroleum Engineers e dall’American Institute of Mining Engineers (AIME) gli ha assegnato prestigioso premio internazionale SPE/AIME “Charles F. Rand Memorial Gold Medal”. È stato il primo europeo nel settore dell’Oil&Gas a riceverlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *