L’importanza del monitoraggio del posizionamento SEO di un sito


Molto spesso a chi lavora in ambito web e SEO capita di ricevere messaggi allarmati che lamentano penalizzazioni da parte di Google, con siti precipitati di 30 posizioni nella SERP di Google e chiedono di capire cosa sia accaduto e di porre rimedio. Nella maggior parte di casi sono allarmi ingiustificati: anche se tutti bene o male siamo oramai avvezzi all’utilizzo dei motori di ricerca, in realtà essere in grado di verificare correttamente i risultati dei propri siti in ambito SEO non è cosa banale. Alcune peculiarità di Google rendono le cose complicate, inoltre i metodi utilizzati per il monitoraggio non sono affatto scientifici. La prima cosa da dire è che effettuare sul browser la ricerca di una parola chiave importante non è il sistema migliore per verificare le performance del proprio sito. Molti e diversi tra loro, infatti, sono gli elementi che possono influenzare il risultato di una serp: i famigerati cookies nonché la cronologia di Google attiva, la zona geografica da cui viene inviata la richiesta al motore, ma anche le personalizzazioni delle impostazioni del browser e molto altro. Pertanto occorre trovare un medo il più possibile scientifico per generare i propri report.
È necessario, affinché la verifica abbia un senso, che i report generati siano davvero obiettivi, ovvero che subiscano il meno possibile l’influenza di fattori esterni che potrebbero comprometterne la correttezza. In Webdo, azienda specializzata in siti web Genova utilizziamo un software su Cloud che, periodicamente, verifica i posizionamenti di tutti i clienti. Ecco quali sono i principali vantaggi forniti da questa applicazione:
– I report generati non subiscono l’influenza e dunque non vengono alterati dalle personalizzazioni dei browser o dalla geolocalizzazione dell’ip dal quale proviene la richiesta a Google
– I report sono schdulabili e vengono generati automaticamente per poi essere salvati in un’area riservata o inviati via mail
– I report sono completamente personalizzabili sia per quanto riguardai dati da analizzare, quali keyword, motori di ricerca, profondità delle ricerche, ecc. che per quanto riguarda il layout grafico nonché l’inserimento di loghi o payoff aziendali
– Tutti i report vengono archiviati in uno storico prezioso per effettuare analisi e confronti, in modo da fornire rapidamente informazioni atte a comprendere la bontà o meno delle strategie perseguite.
Per completare l’analisi e renderla oggettiva, i dati contenuti nei report sopra citati, che riguardano il posizionamento tout court, vengono incrociati con i dati provenienti da altre due fonti, ovvero quelli che forniscono la domain e la page authority di Moz uniti ad alcuni dei dati disponibili nella Search Console di Google.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *