la nostra Romagna in balia di gang albanesi,sparatoria a ravenna fermati due albanesi


Finisce a colpi di pistola, con tanto di feriti, un diverbio fra tre uomini, pare tutti di origine albanese, avvenuto questa sera, poco dopo le 19 in via Romea Sud, fra via Falconara e via Ancona, nel quartiere di Ponte Nuovo. Ora è caccia allo sparatore. Non è ancora accertato se si tratta di un conflitto occasionale o di un premeditato regolamento di conti.

Articoli correlati

Di fatto, usciti dalla trattoria che si affaccia sulla strada, due giovani di origine albanese, di 26 e 35 anni, regolari, entrambi residenti a Ravenna e con precedenti, sono stati l’obiettivo di cinque colpi da arma da fuoco esplosi da un terzo uomo, che poi è fuggito a piedi, facendo perdere le sue tracce. I due feriti alle gambe, ma non in pericolo di vita, sono stati ricoverati all’ospedale di Ravenna dove sono stati interrogati dalle forze dell’ordine. Sul sanguinoso episodio sta indagando con l’ausilio della Scientifica la Squadra Mobile della Questura di Ravenna.

Non si sono fatte attendere le reazioni politiche sul tema della sicurezza in città, con particolare riferimento agli extracomunitari. I primi interventi dopo il fattaccio sono di Luciano Fosci, segretario comunale di Lega Nord Romagna che afferma: «Ma peccato sig. Sindaco che noi della Lega Nord siamo paranoici quando affermiamo che a Ravenna non c’è più sicurezza, ho appena appreso di una sparatoria a Ponte Nuovo con più spari dei feriti per fortuna nessun morto. Sono sempre disponibile a parlarne se lei vuole. Non penso di dire di più, ormai le parole le abbiamo sprecate tutte, purtroppo a vuoto».
Giulio Bazzocchi di Lista per Ravenna invece, scrivendo alle autorità ravennati, argomenta che: «alla luce del nuovo fatto di cronaca nera e dopo le tante sollecitazioni inviate in questi mesi per la situazione sicurezza ed ordine pubblico, mi chiedo se non sia il caso di convocare d’urgenza una seduta del Comitato Provinciale per l’Ordine e la sicurezza, alla presenza del Ministro Cancellieri, per esporre l’escalation preoccupante di atti violenti, legati alla presenza sul territorio di cittadini extracomunitari clandestini e titolari di permessi di soggiorno per motivi umanitari e per formulare richieste in merito al rafforzamento dei controlli, nonché abbozzare una proposta di decreto per la revoca immediata dei permessi ai cittadini extracomunitari che vengono denunciati per reati e crimini contro le persone e il patrimonio. Siamo di fronte ad una sparatoria dove sono rimaste ferite due persone. Nel tardo pomeriggio, quando potevano essere presenti famiglie, bambini. Cosa dobbiamo aspettarci ancora per capire che la situazione sta sfuggendo di controllo?».

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *