Itinerario di 2 giorni a Tirana


Per chi ama rilassarsi senza rinunciare ad interessanti visite culturali, Tirana è la città ideale con il suo gran numero di monumenti e luoghi d’interesse da scoprire. Diventata meta di una miriade di giovani turisti provenienti da ogni parte del mondo, ed in particolare dall’Italia, Tirana si presenta come una città attiva, moderna nella mentalità e molto vivace dal punto di vista culturale. L’itinerario guida il viaggiatore alla scoperta delle principali attrazioni turistiche della capitale albanese. La soluzione migliore per scoprire la città è alloggiare in uno dei confortevoli hotel a Tirana.

Primo giorno

La visita della città inizia dalla bellissima ed imponente Piazza Skanderbeg, vero e proprio cuore di Tirana. Qui meritano una visita: la Torre dell’Orologio, anche conosciuta come Kulla e Sahatit, da cui è possibile ammirare una magnifica veduta della città; il Teatro dell’Opera e del Balletto, il più grande teatro dell’intero Paese, dove è possibile assistere ad interessanti spettacoli; e la Moschea di Ethem Bey, l’antica moschea della città, la cui costruzione ebbe inizio nel 1798 e completata dopo lunghi anni, nel 1821. L’itinerario prosegue con una passeggiata lungo via Mishira Shiry, il viale dello shopping, dove si trova anche la Cattedrale Ortodossa della Resurrezione di Cristo, la terza chiesa ortodossa più grande del mondo. Ricostruita tra il 2001 e il 2012 dopo essere stata distrutta dal regime comunista nel 1967, la Cattedrale presenta una meravigliosa cupola tempestata di un mosaico rappresentante il Cristo Pantocratore creato da Josif Droboniku. Il primo giorno si termina con una visita alla Cattedrale Cattolica di San Paolo, dove spicca la magnifica vetrata raffigurante Madre Teresa di Calcutta e Papa Giovanni Paolo II.

Secondo giorno

Il secondo giorno alla scoperta della città, che l’itinerario dedica alla cultura, inizia con una visita al Museo Storico Nazionale Albanese, il quale ripercorre la storia del popolo albanese e del suo territorio, dal IV millennio a.C. fino alla seconda metà del XX secolo. Il museo è suddiviso in 8 padiglioni, il più interessante dei quali è sicuramente quello dedicato alla Rinascita Nazionale Albanese, dove è possibile scoprire importanti oggetti storici. Da qui l’itinerario prosegue in direzione della Fortezza di Giustiniano, della quale oggi rimane solo una piccola muraglia alta circa sei metri. Infine, se il clima lo consente, non può mancare una visita al Monte Dajti, bellissimo parco per effettuare indimenticabili ed insolite escursioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *