Tra gli esperti in pediatria a Bologna quale medico scegliere?


Il pediatra è la figura medica di riferimento per i primi anni di vita, dal periodo neonatale sino all’adolescenza: tipicamente si parla dei 14 anni, dopo i quali subentrerà il medico di famiglia, ma in alcuni casi è possibile prolungare sino ai 16 anni l’età in cui al pediatra continua a essere affidato il ragazzo (ad esempio in caso di particolari malattie o handicap).

Per un lungo lasso di tempo, dunque, questo medico specialista sarà il punto di riferimento a cui rivolgersi per ogni esigenza di salute del bambino: dalle cure alla prevenzione, dai controlli di routine agli accertamenti, per tutto ciò che concerne non solo la sfera fisica, ma anche quella psicologica. Data la sua importanza per il sano e corretto sviluppo del bambino, occorre scegliere con consapevolezza il proprio pediatra di famiglia. Già, ma come?

Bebé che guarda tablet

Va detto che, per fregiarsi del titolo di pediatra, un professionista deve innanzitutto avere una laurea in medicina e chirurgia (6 anni) e, dopo il tirocinio, aver superato l’esame di abilitazione professionale ed essere iscritto all’ordine dei medici. Ma non è finita qui, perché per diventare pediatra occorre anche aver frequentato con successo la scuola di specializzazione in clinica pediatrica, della durata di altri cinque anni: i pediatri sono quindi medici estremamente preparati e competenti.

Tuttavia, come sempre accade, ogni medico è prima di tutto una persona e può capitare che dei genitori si trovino meglio con un professionista piuttosto che con un altro; la scelta del proprio pediatra di riferimento, a Bologna come altrove, si può basare sia su aspetti soggettivi che oggettivi (es. esperienza e curriculum).

Ai genitori alla ricerca di un pediatra affidabile e competente si consiglia di rivolgersi al Centro Medico San Donato di Bologna, vera e propria autorità in materia di salute per il territorio felsineo che da tempo dispone di un apprezzato servizio di pediatria a cura del dott. Davide Tassinari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *