I benefici dei giochi didattici


Da quello che risulta da numerosi sondaggi e studi, la maggior parte dei bambini di oggi, passa gran parte del loro tempo davanti alla televisione o a giocare ai videogiochi. Purtroppo però gli show televisivi, siano essi cartoni animati o altri programmi, nella maggior parte dei casi non hanno una funzione educativa e di crescita per i bambini (esistono programmi per l’apprendimento delle lingue, come ad esempio l’inglese, che però forniscono un educazione passiva). Il dato ancora più rilevante è che videogiochi e televisione non contribuiscono allo sviluppo della fantasia nei bambini.
Numerosi studi scientifici hanno dimostrato come, mediante l’utilizzo di giochi didattici come ad esempio cubi, forme, abaco o giochi da tavolo, è possibile aumentare il quoziente intellettivo di un bambino di anche cinquanta punti, soprattutto attraverso una stimolazione adeguata durante i primi sei mesi di vita del bambino. I giochi didattici contribuiscono a sviluppare ulteriormente le competenze dei bambini attraverso attività educative che permettono di accrescere la memoria, la capacità di lettura, le abilità motorie, le abilità matematiche e la coordinazione dei vari organi, come occhio-mano.
Ci sono diverse varietà di giochi didattici, da quelli indicati per i neonati a quelli pensati per i bambini in età scolastica. I giocattoli didattici permettono di unire il piacere del gioco all’utilità dell’apprendimento. E’ importante, al momento dell’acquisto di un gioco didattico, scegliere il giocattolo più appropriato a seconda dell’età del bambino, delle esigenze di sviluppo di quest’ultimo e delle loro passioni. Da non dimenticare che, qualsiasi gioco, se giocato in compagnia favorisce lo sviluppo delle capacità di relazione e dello stare insieme.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *