Estrazioni del lotto


Il gioco del Superenalotto è stato introdotto dalla Sisal per la prima volta alla fine del 1997, il 3 dicembre per l’esattezza. Fino al 39 giugno 2009 è stato in vigore il primo regolamento, in base al quale le estrazione Superenalotto erano legate a quelle del lotto. Praticamente, per ogni estrazione del lotto, i numeri primi estratti delle ruote di Bari, Firenze, Milano, Roma, Napoli e Palermo, venivano usati come i 6 numeri vincenti per il gioco del Superenalotto. Nel caso in cui due primi estratti fossero stati uguali tra di loro, allora si ricorreva al secondo estratto.

 

Oltre a questi 6 numeri, c’erano anche il numero Jolly, che era il primo estratto sulla ruota di Venezia, e il numero Superstar, che invece era il primo estratto sulla ruota Nazionale.

 

A partire dal primo luglio 2009 il regolamento del Superenalotto è cambiato ed è quello in vigore ancora oggi, con le estrazioni Superenalotto che viviamo con trepidazione in questi giorni.

 

Praticamente, oggi i numeri vincenti del Superenalotto sono estratti in maniera separata dal gioco del lotto. Nello specifico, si tengono per il solo gioco del Superenalotto due estrazioni diverse, la prima per determinare i 6 numeri vincenti più il numero Jolly, la seconda per determinare il numero Superstar.

 

Le quote sono molto basse, basti pensare che per poter vincere un 6 con Superstar occorre indovinare l’unica combinazione disponibile sulle oltre 56 miliardi di scelte possibili, mentre il “6” puro, ovvero solo i 6 numeri dell’estrazione principale, hanno una probabilità di 1 su 622 milioni circa.

 

La probabilità con più frequenza di uscita, ovviamente, è quella con 0 numeri indovinati, cosa che accade una volta ogni 1,53 giocate. La frequenza della vincita minima, ovvero il “3”, è pari ad 1 su 326,71 .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *