energie rinnovabili e autotrasporto: la francia rivoluziona la sua rete stradale


La potenza dell’energia rinnovabile al servizio delle infrastrutture. Con questo proposito la Francia si prepara a rivoluzionare l’utilizzo delle strade e la guida di automobilisti e autotrasportatori, sfruttando le enormi potenzialità del fotovoltaico. Nei mesi scorsi il governo francese ha approvato il progetto “Wattway Panels”, che consiste nella pavimentazione di 1000 Km di strada con pannelli fotovoltaici in grado di fornire energia elettrica.

Un progetto nato grazie all’iniziativa della ditta Colas, specializzata nella pavimentazione stradale, insieme a INES – l’Istituto Nazionale Energia Solare – e l’Agenzia francese Ambiente e Energia, presentato con successo lo scorso anno al Salone dell’efficienza di Parigi, e che è considerato molto importante dagli addetti ai lavori per lo sviluppo dell’economia ecosostenibile. La Wattway Panels prevede l’applicazione su strada di pannelli fotovoltaici composti da una resina in silicio policristallino, spessi appena 7 mm e in grado di assorbire luce solare. Nonostante il loro piccolo spessore, essi sono altamente resistenti e perfettamente idonei al transito di tutti i mezzi, dalle automobili ai camion più pesanti. La loro applicazione, inoltre, è molto semplice perché non richiede alcun intervento strutturale, bensì una normale operazione d’incollaggio.

Fotovoltaico e autotrasporto

La prima sperimentazione è avvenuta nel Dipartimento della Vandea (con un finanziamento complessivo di 160 mila euro) dove i pannelli, installati nell’area parcheggio del centro sportivo-culturale VENDESPACE nei pressi di La-Roche-sur-Yon, sono oggi in grado di alimentare una stazione di ricarica per veicoli elettrici.

L’obiettivo principale del Wattway, ovviamente, è quello fornire energia a zero impatto ambientale. Si prevede, infatti, che la pavimentazione di un manto stradale lungo 1000 Km sarà in grado di fornire energia pulita a 5 milioni di famiglie, ovvero l’8% dell’intera popolazione francese. Il settore trasporto con bisarca guarda con estremo interesse a questo progetto ed è pronto a scommettere sia sulla sua sostenibilità, poiché la consistenza della resina che ricopre le lastre le rende infatti resistenti e antiscivolo senza compromettere in alcun modo la viabilità dei veicoli, sia sui vantaggi economici da esso derivanti intesi soprattutto come indipendenza energetica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *