Differenze e migliorie dello standard USB 3.0

L’aggiornamento a 3.0 della versione dello standard più diffuso di trasmissione dati, ovvero l’USB, ha portato, come già detto in precedenza, a netti miglioramenti.
Per aumentare la performance di trasmissione il flusso dei dati è gestito, con l’USB 3.0, in modo bidirezionale grazie alla presenza di due doppini schermati (in questo caso la schermatura è fondamentale per evitare interferenze e dispersioni): SDP twisted e Sgielded Differential Pair, il primo per l’invio dei dati, l’altro per la ricezione.

Il vantaggio nell’utilizzare il doppio cavo invece che uno solo per lo scambio dei dati permette di evitare ritardi di tempi di commutazione.
Visto da fuori il connettore USB 3.0 è praticamente uguale alle sue precedenti versioni ma al suo interno sono stati inseriti nove pin al posto dei 4 presenti in precedenza. Questi 5 cinque pin aggiuntivi sono stati inseriti per essere sfruttati dalla modalità SuperSpeed: i 4 restanti, presenti anche nelle versioni precedenti, non sono cambiati e restano uguali per premettere la caratteristica di retrocompatibilità con lo standard USB 2.0.
I connettori USB 3.0 di tipo A rimangono tali e quali a prima, quelli di tipo B aumentano in altezza mentre il Micro USB AB prevede un’appendice per i pin SuperSpeed.
Per evidenziare la differenza estetica e tecnica rispetto ai cavi USB 2.0, i connettori 3.0 saranno di colore blu mentre quelli dell’ USB 2.0 sono neri, bianchi o grigi.
Il connettore Micro USB di tipo AB, concepito per dispositivi di piccole dimensioni come videocamere, fotocamere digitali, smartphone resta uguale poiché non c’è abbastanza porto per ospitare le nuove connessioni previste dallo standard USB 3.0 al suo interno.
Quest’ultimo connettore prevede pero’, un’appendice in cui possono essere collocati i pin per la modalità SuperSpeed.

Sul sito Lindy è possibile trovare tutti i prodotti della categoria USB & Firewire insieme a molti altri, come ad esempio cavi HDMI, audio video e molti altri!