Dal proprio hotel a Verona una passeggiata nel parco dell’Adige

Quali sono i principali motivi che portano la gente a cercare un hotel a Verona? Presumibilmente molti andranno alla ricerca del suo clima romantico, magari concedendosi un weekend con la propria compagna/compagno; altri invece saranno chiamati là da ragioni d’affari, considerando il ricco tessuto industriale della zone e conseguentemente la possibilità di intrattenere interessanti incontri d’affari.

Oppure, ancora, le bellezze architettoniche e i monumenti, o la maestosità dei tanti ponti da cartolina. In ogni caso, a tutti loro, potrebbe far comodo una bella sosta verde dove ristorarsi, magari all’ombra di imponenti piante, se siamo in estate.

Il Parco dell’Adige a Verona non ha una storia molto antica, almeno considerato come istituzione, visto che il Comune lo ha ufficialmente riconosciuto solamente nel 2005. Si estende sia nella zona nord della città, nel quartiere di Chievo (quello reso famoso dalle vicende sportive dell’omonima squadra di calcio, arrivata persino a disputare due incontri di Champions League), sia in quella sud, in località Boschetto fino al Bosco Buri.

Ovviamente si può fare jogging, percorrere con la bici i sentieri appositi, fare pic nic, portare i cani a passeggio.

Allo studio sono continui progetti di miglioramento del Parco, con l’intumazione di nuovi alberi e la creazione di nuovi percorsi e sentieri. Certamente, comunque, varrebbe la pena di una visita, se rimane qualche ora libera durante il soggiorno nel proprio hotel in centro a Verona.