Cos’è il granuloma e come si cura: ci informa il Centro Vitaldent di Cagliari


Al Centro Vitaldent di Cagliari ci informano sul granuloma, un’infiammazione cronica dei tessuti della parte terminale della radice del dente che si origina a causa dell’infezione della polpa radicolare. Grazie alla lastra della radiografia che l’odontoiatra esegue durante la visita di controllo, specificano al Centro Vital Dent di Cagliari, si  può vedere se il paziente presenta un granuloma. Se una radio trasparenza circonda l’apice della radice di un dente, significa che siamo di fronte a un caso di granuloma apicale causato da un’attività batterica all’interno della radice.

Le ragioni per cui si produce questa attività batterica sono più di una, ci informano al Centro Vital Dent Cagliari. Generalmente si tratta di un dente necrotico o di un dente precedentemente devitalizzato. Quando il nervo del dente è morto spontaneamente, i batteri si annidano nel tessuto in decomposizione e le tossine fuoriescono dall’apice. Nel caso in cui il dente sia devitalizzato, c’è una buona probabilità che si sviluppi il granuloma nonostante sia stato eseguito un buon lavoro.

Al Centro Vitaldent di Cagliari precisano che il granuloma è asintomatico e che spesso si scopre solo grazie ai controlli radiografici periodici. È inoltre una patologia che non guarisce con l’assunzione di antibiotici, a meno che non sia nella sua fase acuta, cioè quando si produce l’ascesso. Per rimuoverlo – continuano al Centro Vital Dent di Cagliari – si può intervenire a seconda dei casi con tre tecniche: il trattamento endodontico in cui si rimuove il vecchio materiale di otturazione e si sterilizza il dente, l’apicectomia, ossia la rimozione dell’apice radicolare del dente, o l’estrazione del dente nel caso in cui le terapie precedenti non si possano applicare sul paziente.

Se viene diagnosticato un granuloma bisogna intervenire tempestivamente in quanto il rischio, ci informano al Centro Vitaldent di Cagliari, è la perdita del dente. Inoltre, se le difese immunitarie dovessero abbassarsi in modo da non contrastare l’attività dei batteri, questi potrebbero raggiungere organi molto importanti e mettere a rischio la salute del paziente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *