Correre all’aperto è come correre sul tapis roulant?


La corsa è uno degli sport più amati, forse perché molto “naturale” (non rende necessario l’utilizzo di alcuna attrezzatura sportiva), forse perché economica (si può correre al parco o sotto casa) o forse perché rilassante (durante la corsa, la testa si svuota completamente). Può essere uno sport condotto a vari livelli: ci si può limitare ad un running leggero se  si è alle prime armi o si è in età avanzata, si possono aumentare i ritmi se si è già allenati, si può correre in modi differenti a seconda dell’obiettivo (ad esempio, scatti rapidi tonificano i glutei, lo sapevate?). La corsa, insomma, sembra mettere d’accordo tutti, anche se su una cosa gli amanti della corsa mostrano idee differenti: è meglio quella all’aperto o quella sul tapis roulantt?

In entrambi i casi, troverete chi vi saprà dare spiegazioni dettagliate che argomentino la sua scelta.

Se ad esempio vi troverete di fronte ad un amante della corsa al parco, egli sosterrà le sue ragioni spiegandovi che:

  • la corsa all’aperto è più difficoltosa a causa delle condizioni variabili del terreno e delle condizioni climatiche;
  • per la sua maggiore difficoltà, con la corsa all’aperto si bruciano più calorie;
  • la corsa all’aperto è meno noiosa perché permette di correre in gruppo, di osservare il paesaggio e di modificare il percorso;
  • per lo stesso motivo di cui sopra, nella corsa all’aperto è più facile mantenere alta la motivazione.

Coloro che invece preferiscono correre sul tapis roulant, argomenteranno la loro preferenza spiegando che:

  • la corsa sul tapis roulant permette di tenere sempre sotto controllo i risultati raggiunti grazie alle informazioni fornite dal display;
  • per lo stesso motivo di cui sopra, la motivazione resta sempre alta;
  • la mancanza di distrazioni permette di portare a termine gli allenamenti;
  • la presenza di specchi consente di guardarsi e correggere le posture sbagliate;
  • anche se la strada presenta ostacoli maggiori e quindi un livello di difficoltà più elevato, basta impostare una pendenza fissa dell’1% per ottenere lo stesso risultato;
  • il tappeto permette di correre sempre, anche quando fa freddo, caldo, piove o c’è neve.

Come avviene sempre in questi casi, la verità sta nel mezzo. Sarà bene alternare le due pratiche sportive per non annoiarsi, per raggiungere i propri obiettivi, per testare entrambe le soluzioni e scegliere quella più adatta al proprio carattere e al proprio gusto! 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *