Come prevenire l’alitosi: interviene il Centro Vital Dent di Cagliari


Torniamo a parlare dell’alito cattivo, un problema molto più comune di quanto pensiamo. Al Centro Vital Dent di Cagliari ci dicono che ben il 50% delle persone ne soffrono e nella maggior parte dei casi le cause sono da ricondurre alla bocca. Le molecole che producono l’alito cattivo, o composti solforici volatili, si producono per l’azione di batteri e la decomposizione di residui di cibo che libera sostanze volatili come lo zolfo, responsabili dell’alito maleodorante.

Avere una buona igiene orale è di fondamentale importanza, specificano dal Centro Vital Dent Cagliari. Regolari visite di controllo permettono al dentista di individuare alcune possibili cause dell’alitosi e pulire le aree difficili da raggiungere. Le cause dell’alito cattivo sono tuttavia diverse, spiegano al Centro Vital Dent di Cagliari, l’accumulo di placca che permette la presenza dei batteri è il fattore più importante da contrastare, la placca infatti si deposita non solo a livello di denti e gengive, ma anche sulla lingua su cui si deve intervenire con un pulisci lingua. La malattia parodontale inoltre è causata dagli stessi batteri dell’alitosi per cui è bene intervenire tempestivamente per curare questa malattia. Se si hanno protesi mobili o fisse, otturazioni o ricostruzioni  obsolete, queste possono determinare un accumulo di placca. Infine anche alcuni alimenti possono favorire l’alitosi, così come alcuni farmaci o il fumo.

I rimedi che il Centro Vital Dent di Cagliari ci dicono che si possono adottare sono molti: adottare una dieta ricca di frutta e verdura, bere spesso acqua e spazzolare i denti almeno due volte al giorno, pulire la lingua e passare il filo interdentale. Se a queste operazioni quotidiane di igiene orale, associamo i consigli del nostro dentista di fiducia, ci incoraggia il Centro Vital Dent Cagliari, la maggior parte delle cause che producono alito cattivo si possono eliminare con efficacia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *