Come costruire un caminetto


Costruire un caminetto sicuramente è un desiderio che molti vorrebbero togliersi: prima di procedere alla costruzione però, è bene scegliere i materiali di prima qualità, ovvero quelli resistenti che permettono al caminetto di essere funzionale ed ottimo.
Bisogna anche sottolineare che se si abita in condominio, è bene ottenere il consenso anche degli altri condomini, in maniera che si evitino delle conseguenze poco piacevoli e facili da vivere, ed inoltre bisogna avere anche il permesso sia dal Comune per la costruzione del caminetto sia del proprietario della casa, qualora si viva in affitto.
Una volta che si ottengono i permessi, è bene passare alla scelta dei materiali: questi devono essere resistenti e duraturi nel tempo, e per questo motivo il miglior materiale è il granito, grazie al quale sarà possibile riuscire ad avere un ottimo caminetto che non crei problemi e che sia ovviamente resistente.
Scelti i materiali, bisogna prendere le misure del caminetto e del proprio ambiente: questo infatti deve stare in maniera armoniosa nella propria abitazione, e non deve creare intralci a chi vive.
Ovviamente, bisogna prendere in considerazione anche tantissime altre misure: l’apertura del caminetto è una di queste, così come bisogna ricordarsi che la canna fumaria deve essere abbastanza alta e non deve essere oggetto di disturbo per gli altri condomini, mentre se si possiede una casa propria, questo problema non dovrebbe manifestarsi.
La canna fumaria deve essere inoltre abbastanza spessa.
Una volta che si studiano tutte le misure, possono iniziare i lavoro di costruzione di un caminetto: per motivi di velocità, sarebbe meglio che siano degli esperti muratori a costruire il caminetto, poiché questi operai sono in grado di prendere in considerazione ogni eventualità, oltre all’assicurare al proprietario della casa un lavoro ottimo sotto ogni punto di vista.
Qualora invece si voglia provare a costruirlo in maniera autonoma, senza dunque assumere operai, bisogna partire dalle fondamenta del caminetto: questa parte prende il nome di focolai, ed è quella dove appunto si accende il fuoco.
Essa deve essere realizzata con materiali che siano resistenti al fuoco, e devono ovviamente essere fissati col cemento, in maniera che ogni qualvolta il caminetto venga usato non ci siano conseguenze spiacevoli.
Bisognerà poi collegare la canna fumaria: questa può essere acquistata oppure creata con dei mattoni resistenti al calore, che permettono al fumo di uscire dall’abitazione proprio dalla canna.
Ora bisogna pensare al rivestimento del caminetto, che deve essere in linea con l’arredamento, mentre per quanto riguarda la parte frontale, questa può essere formata da pietre o da altri materiali che permettono al caminetto di essere completato perfettamente.
La costruzione del caminetto richiede parecchia attenzione e cura dei dettagli: per questo motivo, se si dovesse essere in una situazione di difficoltà, o sorgessero particolari problematiche, la cosa migliore da fare è quella di consultare un team di operai specializzati nelle costruzioni, ed in particolar modo, che sappiano costruire perfettamente i caminetti.

www.cittanostra.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *