Climatizzazione: Condizionatori portatili e fissi


Di seguito sono esposte poche semplici regole utili per risparmiare energia e scegliere il tipo di condizionatore confacente alla vostra casa:

  • Installare il compressore in ombra.
  • Più elevata è la certificazione (A) più contenuti sono i consumi di energia.
  • Evitare di impostare un grado di calore smisuratamente basso o alto per frenare i consumi.
  • Conservare preferibilmente chiuse le entrate della camera da refrigerare;
  • Vigilare periodicamente il livello del refrigerante per serbare la funzionalità del sistema di condizionamento.
  • Riconoscere sull’apparecchio il cartellino che identifica la classificazione energetica (A/C).
  • Depurare i filtri sistematicamente equivale ad avere aria pulita
  • Disciplinare l’interruzione e avvio degli impianti di climatizzazione in funzione della vostra assenza/presenza
  • Maggiore è la certificazione energetica (A) e più elevata è la funzionalità.

Esiste una ricca scelta di macchine per la climatizzazione disponibili in commercio, può essere un’iniziativa complessa determinare la macchina idonea per le proprie occorrenze.
I condizionatori portatili monoblocco oppure split sono in disuso e pian piano stanno lasciando il posto agli apparecchi fissi, più funzionali.

I macchinari fissi vengono catalogati come multi-split oppure split, il compressore è installato all’esterno a muro o a pavimento, e la macchina è montato all’interno.
I macchinari multi-split hanno un compressore e vari apparati suddivisi nei locali della casa.

I condizionatori più moderni quasi sempre sono corredati di una pompa di calore che rende possibile l’uso dell’impianto di climatizzazione in estate e in inverno, per il caldo e per il freddo.
Il sistema inverter stabilizza il grado di calore arginando il dispendio di energia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *