Cesare Geronzi e Generali. Storia di un rapporto difficile


Presentando il suo libro Confiteor in televisione Geronzi è tornato sulla vicenda Generali e sui difficili rapporti del Leone di Trieste e lo stato

Immagine

Sull’onda della pubblicazione del suo libro Confiteor (scritto a quattro mani con il giornalista Massimo Mucchetti) Cesare Geronzi è bocca di tutti. E il bersaglio del “banchiere di sistema” è sempre quello: Generali. Ospite nella trasmissione dell’Annunziata su Rai3 domenica scorsa, Geronzi è infatti ritornato sull’argomento. Con l’attribuzione alla Banca d’Italia, azionista con il 4,5% di Generali, della vigilanza sulle compagnie di assicurazione si è creato un intreccio di interessi “mostruoso” sul Leone di Trieste che spetta al governo sciogliere. E’ l’opinione dell’ex presidente delle Generali, Cesare Geronzi, banchiere di lungo corso ed ex funzionario della banca centrale.

Sempre durante l’incontro televisivo con l’Annunziata, Geronzi ha ricordato che le stesse Generali detengono una quota del 6% circa del capitale di Bankitalia e ha fatto riferimento a una norma mai attuata della legge sul risparmio del 2005 che prevedeva il trasferimento allo Stato delle quote dell’istituto centrale detenute da privati. “La Banca d’Italia avrebbe dovuto risolvere questo problema prima, ossia non appena ha saputo che sarebbe diventata l’organo di controllo delle compagnie di assicurazione”, ha osservato Geronzi. “Le Generali detengono il 6% della Banca d’Italia e quindi c’è un intreccio mostruoso. Deve intervenire il governo per eliminare prima la statalizzazione della Banca d’Italia e trovare una soluzione all’intreccio”.

A partire da gennaio, alla Banca d’Italia spetterà di vigilare oltre che sul sistema bancario anche su quello assicurativo attraverso la nascita dell’Ivass. Poiché Via Nazionale possiede una partecipazione nel Leone di Trieste dal valore di circa 920 milioni di euro, si crea un conflitto di interessi tra controllore e controllato.

In una recente intervista, il direttore generale di palazzo Koch, Fabrizio Saccomanni, ha detto che una soluzione sarà trovata entro l’inizio del prossimo anno. Venerdì ha preso quota l’ipotesi che Bankitalia ceda la sua quota in Generali al Fondo strategico italiano, controllato dalla Cassa depositi e prestiti e quindi in definitiva dal ministero dell’Economia. Banca d’Italia e Cdp (30% fondazioni bancarie e 70% Tesoro)non hanno fatto commenti mentre l’ipotesi ha sollevato le critiche di alcuni degli azionisti di Generali che non vedono di buon occhio l’ingresso di un azionista ‘politico’.

“Non spetta agli azionisti delle Generali dire alla Banca d’Italia cosa deve o non deve fare”, ha scandito Geronzi. Eventualmente, i soci della prima compagnia assicurativa italiana, “potrebbero dare al loro amministratore delegato il mandato di tenere i rapporti con la Banca d’Italia per una ordinata soluzione del problema”, ha aggiunto. Rispondendo infine ad una domanda su presunti pericoli di annessione di banche italiane da parte di banche straniere Geronzi ha risposto: “Non ci sono attacchi sulle banche italiane”.

Fonte: Borsa italiana                                                                                                                   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *