Certificazione istituti di vigilanza: circolare 7 luglio 2016 Ministero dell’Interno


Decidere a chi affidare la sicurezza privata, che si tratti della tua abitazione o della tua impresa, non sempre può essere una scelta semplice. La qualità del servizio erogato non è l’unico fattore importante, perché fondamentali sono anche regolarità e conformità del soggetto giuridico a cui viene assegnato il compito di garantire sorveglianza e la giusta sicurezza. L’argomento che approfondiremo in questo articolo riguarda la certificazione istituti di vigilanza privata, ovvero la Circolare del Ministero dell’Interno del 7 luglio 2016.

Il provvedimento ha per oggetto “Istituti di Vigilanza privata. Verifica dell’attuazione delle disposizioni del Decreto del Ministero dell’Interno 4 giugno 2014 n. 115, in materia di certificazione della qualità dei servizi e degli istituti di vigilanza privata e contrasto al fenomeno dell’abusivismo nel settore”, ed è indirizzato non solo a verificarne la regolarità dei suddetti istituti, ma soprattutto ad arginare il fenomeno dell’abusivismo. La circolare, infatti, viene emanata a seguito di una constatazione oggettiva: nel luglio 2016, a quasi un anno dalla scadenza dei termini previsti per la certificazione, solo il 30% degli istituti di vigilanza privata è risultato essere in regola in Italia.

Con essa, il Ministero dell’Interno invita espressamente tutti i Prefetti ad adottare ogni iniziativa ritenuta opportuna che consenta di adottare diffide o provvedimenti di carattere sanzionatorio. È doveroso tuttavia sottolineare che l’eventuale sanzione dovrà essere adottata previa attenta valutazione dell’attività di Pubblica Sicurezza (come previsto dal DM 115/2014), e non a seguito di verifica di conformità dell’Organismo di certificazione indipendente.

Come anticipato, la circolare mira inoltre a contrastare efficacemente l’abusivismo nel comparto, ossia l’attività di vigilanza svolta da soggetti non autorizzati. Nonostante il quadro normativo sia sufficientemente chiaro a riguardo, essa invita tutti i Questori in Italia ad intensificare i controlli sul territorio, avvalendosi anche della collaborazione degli Organismi di certificazione qualità e Parti sociali.

La certificazione UNI 10891 per gli istituti di vigilanza, insomma, è un requisito fondamentale per garantire servizi di sicurezza privata nel rispetto delle leggi vigenti: solo in questo modo il cittadino può essere sicuro di affidare la propria sicurezza nelle mani giuste.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *