Case in legno: esiste un problema tarli?

Economiche, efficienti e straordinariamente belle: stiamo parlando delle case in legno, una vera e propria rivoluzione in campo edilizio. Sono in molti a optare per questo tipo di abitazione e a confermarlo è il boom di vendite registrato negli ultimi anni. Tanti i vantaggi che sono in grado di offrire, ma quello che cercheremo di capire è se anche per esse sia indispensabile un trattamento antitarlo ecologico, nonostante si tratti di un prodotto comunque all’avanguardia nel settore.

Partiamo innanzitutto da un presupposto importante: una casa in legno è sinonimo di bioedilizia. Chi la sceglie come propria dimora, infatti, sa bene di vivere in un’ambiente domestico realizzato solo con prodotti naturali e assolutamente ecocompatibili, a differenza delle case tradizionali che utilizzano solo materiali cementizi. In altri termini, il rischio di impatto ambientale è quasi inesistente. Queste case, inoltre, sono altamente antisismiche proprio grazie al fatto di essere costituite integralmente in legno, un materiale in grado di conferire flessibilità e stabilità insieme all’intera struttura.

Un altro vantaggio notevole riguarda gli elevati risultati in termini di efficienza energetica. Ciò è possibile in virtù di un sistema di coibentazione estremamente innovativo, capace di assicurare ottime performance dal punto di vista termico e acustico. Infine, le case in legno sono belle esteticamente, e questo grazie soprattutto a una progettazione accurata e personalizzata.

Tuttavia, rimane il dubbio sulla manutenzione. Pur riconoscendo la qualità delle essenze legnose selezionate, ben essiccate in camere speciali, e l’eco-compatibilità dei prodotti impiegati per costruirle, è importante ricordare che si tratta comunque di legno, ovvero l’habitat naturale degli xilofagi. In esso, infatti, questi parassiti trovano le condizioni ideali per portare a termine il proprio processo vitale e per nutrirsi (grazie alla presenza di cellulosa e lignina); un rischio che si corre maggiormente se l’abitazione è ubicata in zone particolarmente umide.

Per queste ragioni, è importante che una manutenzione adeguata non venga eseguita con un comune trattamento antiparassitario impregnante (anche se fatta con prodotti naturali); se si vuole preservare la propria casa in legno in maniera ottimale e renderla duratura nel corso del tempo, è sempre meglio affidarsi a un’operazione di disinfestazione tarli a microonde, l’unica vera soluzione al problema dei parassiti del legno, la cui eco-compatibilità si sposa perfettamente con tutte le caratteristiche di questa originale abitazione.